Protocollo d’intesa per i servizi di mediazione civile familiare. La RAS destina i fondi per la prosecuzione delle attività - Città Metropolitana di Cagliari

Aggregatore Risorse

Protocollo d’intesa per i servizi di mediazione civile familiare. La RAS destina i fondi per la prosecuzione delle attività

Protocollo d’intesa per i servizi di mediazione civile familiare. La RAS destina i fondi per la prosecuzione delle attività

La Città Metropolitana di Cagliari ha sottoscritto un protocollo d’intesa promosso dalla RAS per la prosecuzione delle attività del servizio di mediazione civile. Gli Enti sottoscrittori sono inoltre il Centro per la Giustizia Minorile della Sardegna, il Tribunale per i minorenni di Cagliari e la Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Cagliari.

Il Delegato alle Politiche Sociali della Città Metropolitana Antonio Lobina ha espresso la sua soddisfazione per il proficuo rapporto di collaborazione con la R.A.S. e le autorità giudiziarie competenti in materia, che consentirà a breve la ripresa del servizio e l’attività dello Sportello.

La Giunta Regionale ha destinato 162.000 Euro, dei quali 54.000 a favore della Città Metropolitana di Cagliari, a valere sulla dotazione del Fondo Nazionale delle Politiche Sociali 2017 per la realizzazione di interventi di promozione della mediazione penale, civile e sociale e di giustizia riparativa.

In questo ambito, tra il 2000 e il 2016 ha operato con efficacia a Cagliari un Ufficio per la Mediazione, promosso e sostenuto dalla Provincia e dal Comune di Cagliari, che, in sedici anni di lavoro, ha preso in carico 1200 casi, svolgendo una preziosa attività in collaborazione con le Autorità Giudiziarie competenti e producendo un’importante ricaduta in termini di riduzione e superamento dei conflitti. Le attività di questo Ufficio si sono però interrotte nel 2017 per mancanza di fondi. L’impegno assunto con la sottoscrizione del protocollo d’intesa riguarda appunto la ripresa dell’attività, che dovrà avvenire entro 90 giorni dall’assegnazione del finanziamento da parte della RAS. Nel 2018 l’area prioritaria di intervento sarà la mediazione familiare, con riferimento a situazioni di conflitto che possono causare pregiudizio ai figli minori. Il servizio verrà svolto mediante affidamento a idonei organismi del privato sociale, nel rispetto della normativa vigente.

La RAS si impegna inoltre a costituire una Cabina di Regia che avrà compiti di monitoraggio e valutazione dell’andamento delle attività.


 

Allegati

Menù di Navigazione

Notizie ed Eventi